pasta con le sarde
Primi

Pasta con le sarde

0 comments

La pasta con le sarde è un autentico monumento della cucina siciliana del quale esistono numerose versioni. Quella proposta è abbastanza semplice anche se non legge-rissima, del resto la leggerezza non è la caratteristica peculiare di questo piatto. E necessario procurarsi le sarde e sfilettarle: a Palermo nei pittoreschi mercati del pesce il venditore prepara ininterrottamente le sarde spinandole in maniera velocissima e perfetta.

Certo non tutti possono andare nella capitale siciliana per approvvigionarsi, detto tra parentesi Palermo è bellissima e meriterebbe una visita accurata, ma l’operazione è molto semplice e, se proprio non ci si riesce, il pescivendolo non dovrebbe fare difficoltà. L’altro ingrediente essenziale è il finocchietto selvatico: a questo punto il più è fatto, ci si può avventurare nella preparazione della pasta con le sarde.

Ingredienti

  • 350 gr. di bucatini

  • 600 gr. di finocchio selvatico

  • 500 gr. di sarde

  • 1 cipolla

  • 25 gr. di pinoli

  • 25 gr. di uva passa

  • qb zafferano

  • 4 filetti di acciughe salate

  • 1/2 bicchiere d’olio

Preparazione

  • Lessare il finocchietto in abbondante acqua salata per almeno un quarto d’ora: scolarlo e tritarlo facendo attenzione a conservare l’acqua di cottura.
  • In una capace pentola soffriggere nell’olio la cipolla tritata
  • Aggiungere poi i filetti di acciuga dissalati
  • L’uvetta fatta precedentemente rinvenire nell’acqua
  • I pinoli, infine le sarde sfilettate tritate grossolanamente
  • Alla salsa si può aggiungere una punta di zafferano
  • Lasciare alcune sarde sfilettate ma ancora unite nel dorso, toglierle appena cotte e tenerle da parte al caldo
  • Unire il finocchietto tritato, il peperoncino e amalgamare bene la salsa a fuoco moderato
  • Nell’acqua di cottura dei finocchietti cuocere i bucatini, scolarli bene al dente, poi saltarli per cinque minuti nella pentola della salsa
  • Portare in tavola decorando il piatto con le sarde lasciate intere.
  • Variante
  • Tra le tante c’è una variante della quale occorre dar conto: invece di saltare i bucatini in una pirofila fare strati di pasta e strati di salsa terminando con la salsa e cospargendo con mandorle sbucciate. Passare poi in forno molto caldo per dieci minuti.

Con questo piatto è quasi d’obbligo l’abbinamento con un bianco dei vigneti di Alcamo, l’Alcamo DOC, che danno un vino di grande carattere in grado di tener testa ad un piatto di tale consistenza.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*